Come affittare un immobile in Brasile

La locazione di immobili in Brasile richiede una serie di documenti e prove documentali sia per i nativi che per gli stranieri residenti nel paese. È importante riunire la documentazione prima di finalizzare una locazione con l’agenzia.

Se possibile, consultare un avvocato per l’espletamento delle pratiche. Sotto si riportano le condizioni più comuni per la locazione, specialmente nelle grandi capitali come Rio de Janeiro e São Paulo.

DOCUMENTI NECESSARI PER LA LOCAZIONE

Per affittare un immobile è indispensabile presentare obbligatoriamente i documenti sotto riportati:

PASSAPORTO

L’inquilino deve avere un passaporto valido, munito di un visto d’entrata con autorizzazione per lavorare ed esercitare attività remunerata in cui sia indicato il tempo di permanenza nel paese. È severamente vietato al locatore richiedere il passaporto a titolo di garanzia.

CODICE FISCALE (CPF)

Il Codice Fiscale (Registro di Persona Fisica – CPF), è un documento importante in Brasile. È importantissimo ottenere il numero del codice fiscale poiché servirà per quasi tutte le transazioni commerciali, come, tra gli altri, l’apertura di un conto bancario e l’acquisto di una proprietà. È obbligatorio e indispensabile agli stranieri per firmare qualsiasi tipo di contratto. Vedi qui, nella nostra guida come richiedere il documento in Brasile o all’estero.

CRNM – REGISTRO NAZIONALE DEGLI STRANIERI

La Carta d’Identità per Stranieri – CRNM – è un documento che autorizza la permanenza nel paese e deve essere richiesto alla Polizia Federale. Dopo la richiesta, il protocollo provvisorio, insieme al passaporto, potranno essere utilizzati nei contratti, fino al rilascio del documento definitivo.

LIBRETTO DI LAVORO

Qualora il visto consenta allo straniero di lavorare e questi sia regolarmente assunto, è importante presentare il libretto di lavoro come un documento di prova del reddito. Nelle grandi capitali, di solito, viene utilizzato un valore di reddito uguale al triplo del valore dell’affitto più spese condominiali, come prova di reddito compatibile.

Nel caso di lavoro temporaneo o di socio di imprese, un commercialista potrà emettere un documento denominato DECORE (Dichiarazione di Percezione di Redditi), che riguarda i redditi dell’imprenditore e serve come prova di reddito.

CERTIFICATO DI NASCITA E/O MATRIMONIO

Qualora sia stato rilasciato fuori dal Brasile (nascita), dovrà avere la sua traduzione in portoghese realizzata da un traduttore giurato. Questa dovrà, inoltre, essere richiesta al consolato brasiliano del paese di origine. Documento opzionale, ma a volte il locatore la richiede.

GARANZIA

Per i contratti di locazione è obbligatorio avere un fideiussore – una persona che s’impegni a pagare al tuo posto le rate in caso di inadempimento. Avere un amico brasiliano che può svolgere la funzione di fideiussore del conduttore è la cosa più semplice, ma dovrà avere un buon curriculo (prova di reddito, proprietà di immobile nella città). Un’altra possibilità è la fideiussione assicurativa per affitto. Anche la fideiussione assicurativa per affitto passa attraverso una procedura di analisi ed è quindi importante avere tutta la documentazione tradotta (da traduttore giurato), soprattutto se si hanno reddito e attività fuori dal Brasile. Di solito, il pagamento della fideiussione assicurativa per affitto è anticipato ed essa ha una durata di 12 mesi, il cui rinnovo dovrà essere realizzato di anno in anno. Questi importi, una volta pagati, non vengono restituiti.

ALTRE FORME DI GARANZIA

Esistono altre possibilità di garanzia per la locazione di immobili, come il deposito cauzionale (tre mesi di affitto come garanzia) o il comodato (cessione non onerosa di immobili). Sono meno comuni e danno meno garanzie al locatore.

PROVA DI RESIDENZA

Prima di cercare un immobile, in genere lo straniero è ospitato da amici o in hotel o in appartamento. Questo indirizzo dovrà essere segnalato come residenza attuale. È importante ottenere una semplice dichiarazione dal proprietario della residenza attuale in cui si dichiara che si è ospitati in tale indirizzo.

PROVA DI REDDITO

Come abbiamo visto prima, dovrà essere presentata una dichiarazione di socio lavoratore (“pro-labore”), o una dichiarazione di percezione di redditi (DECORE) o una busta paga (“contra-cheque”) per gli stranieri che hanno un visto di lavoro e siano dipendenti o soci di imprese. È anche possibile presentare un documento che dimostri il reddito prodotto all’estero (fuori dal Brasile). In questo caso è opportuno avere queste prove di reddito munite di traduzione giurata in portoghese.

CONTRATTO

Contratto tra le parti, elaborato in portoghese per obbligo di legge. È opportuno consultare un avvocato per dirimere dubbi, tra i vari, su punti come l’osservazione delle regole sull’aggiornamento dei valori, sulla richiesta o desistenza dall’immobile.

AUTENTICAZIONE DELLA FIRMA

Tutti gli atti giuridici e i contratti tra le parti, in Brasile, richiedono l’autenticazione della firma. Pertanto è importante che lo straniero depositi la sua propria firma presso un ufficio notarile. Vedi maggiori informazioni su come depositare una firma presso un ufficio notarile.

APERTURA DI CONTO CORRENTE BANCARIO

Il nuovo residente dovrà avere un conto corrente presso una banca nazionale per il ricevimento dei proventi, per la movimentazione finanziaria e per altri atti ufficiali. Questa informazione sarà richiesta nel modulo. Vedi qui come aprire un conto corrente presso una banca nazionale..

Altre informazioni sul sito web Saber Imobiliário

Leave a Reply